Congelamento dell’acqua invernale con idromassaggio all’aperto

Nell’articolo di oggi, parleremo di due comuni sistemi di massaggio che possono essere installati nelle vasche idromassaggio. Impareremo anche le loro principali differenze e come agire in modo sicuro in inverno con questi sistemi nella vostra vasca idromassaggio. Quindi, in breve:

  • Sistema di idromassaggio;
  • Sistema di massaggio a bolle d’aria;
  • Predisporre questi sistemi per l’invero per sempre.

Sistema idromassaggio

Il sistema di idromassaggio è di gran lunga quello più popolare e il più ampiamente usato. Il vantaggio principale di questo sistema è l’effetto massaggio reale sul vostro corpo. L’acqua scorre attraverso i getti formando una corrente piuttosto forte che massaggia il corpo. La potenza della corrente può essere regolata secondo le proprie esigenze. 1 sistema consiste di 6 getti, la pompa dell’acqua e i tubi di collegamento richiesti e da altre parti. 2 sistemi possono essere collegati alla stessa vasca idromassaggio permettendo così di godere di 12 getti allo stesso tempo. I getti sono distribuiti in modo uniforme in termini di altezza e di distanza tra di essi. Tuttavia, ogni getto può essere installato ad un’altezza diversa.

P (1)

La distanza minima tra i getti deve essere di 25 cm e non possono essere installati verticalmente uno sopra l’altro. La potenza della pompa è di 900 W e si connette ad una presa monofase standard da 220 – 230 V. Nel video qui sotto, potrete vedere come funziona il sistema di idromassaggio.

Sistma di massaggio a bolle d’aria

Questo sistema include 12 getti ad aria. La differenza principale tra il sistema a bolle d’aria e l’idromassaggio è la sensazione che si prova. Il sistema di massaggio a bolle d’aria crea un vero massaggio effetto jacuzzi con bolle d’aria che scorrono sulla propria schiena. La pompa ha un livello di potenza ottimale di 700 W e si connette alla solita presa europea da 220 – 230 V.

P (2)

PREDISPORRE I SISTEMI PER L’INVERNO

Le domande che riceviamo dai nostri clienti riguardano cosa fare e cosa aspettarsi durante il periodo invernale quando si hanno installati questi sistemi di massaggio. Dunque, l’idea principale è di evitare il congelamento dell’acqua all’interno della vasca e dei tubi. Il ghiaccio, rispetto all’acqua, si espande e occupa circa l’8% di volume in più. Questo volume extra creerà una forte pressione sulle superfici e sarà in grado di distruggerle facilmente. Quindi, cosa si può fare?

Per prima cosa, dovete programmare i momenti in cui volete fare il bagno. Tenendo presente che il volume dell’acqua di una vasca soddisfacente è di circa 1800 l, non ci si dovrebbe preoccupare del congelamento istantaneo. Quindi, in pratica, se avete in programma di fare il bagno la mattina seguente dopo questa magnifica serata, non dovrete fare nulla tranne che coprire la vasca con un coperchio. La maggior parte dei nostri modelli sono forniti di pareti pre-installate, del fondo e del coperchio, che eviteranno il congelamento dell’acqua per un periodo più lungo. Se avete idee diverse, potete sempre usare gli strumenti aggiuntivi – piccoli riscaldatori elettrici per andare sul sicuro. https://www.vascatinozzabotte.it/shop/hot-tub-riscaldatore-prevenzione-congelata/

P (1)

Lasciare la vasca piena di acqua per un tempo più lungo non è consigliato e l’acqua dovrebbe essere scaricata dalla vasca e dai tubi. Scaricare l’acqua dalla vasca è molto semplice, basta aprire la valvola o il tappo. E per quanto riguarda i tubi? C’è un suggerimento molto semplice per questo. Fate attenzione a quando la vasca sarà vuota, ora dovete solo avviare i sistemi per 10 secondi e i residui di acqua verranno anch’essi scaricati.

Lo stesso principio vale per tutti gli accessori della vasca idromassaggio che si collegano all’esterno tramite i tubi dell’acqua. Questo include anche i riscaldatori.


Vasca Idromassaggio con whirlpool – jacuzzi in inverno. Possiamo non drenare l’acqua?

Ebbene, questa domanda è abbastanza frequente al giorno d’oggi, quindi condividerò la mia esperienza visto che possiedo la vasca con funzione idromassaggio e vi dirò come farla funzionare in inverno senza scaricare l’acqua.

Esiste il rischio che l’acqua si congeli e che la vasca venga danneggiata? Sfortunatamente sì, è un grosso rischio e pertanto bisogna sapere alcune cose su come evitare che questo avvenga.

Il modo più semplice sarebbe quello di drenare l’acqua, così non ci sarebbe il rischio di danneggiare la vasca o i vari tubi idraulici. Ma la maggior parte delle persone prenderebbe ancora in considerazione l’idea di lasciare l’acqua non drenata evitando così molte seccature per riempire spesso la vasca e quindi risparmiare qualche soldo. Quindi cosa possiamo fare?

Qualcuno ha mai osservato un lago o un fiume in inverno? Sì, quindi molto probabilmente avrete notato che il lago è ghiacciato mentre l’acqua del fiume scorre ancora. Quindi, qual è il motivo? È ovvio: la circolazione dell’acqua. E non c’è nessuna differenza con le vasche in inverno. Dobbiamo garantire la circolazione dell’acqua all’interno della vasca e anche in tutti i tubi. E non dimenticare che la temperatura dell’acqua non dovrebbe scendere sotto lo zero.

Circolazione dell’acqua all’interno della vasca e nelle tubature dell’idromassaggio

Quindi, supponiamo che la nostra vasca idromassaggio completamente isolata abbia getti per il massaggio ad acqua/aria, la filtrazione e il riscaldatore elettrico collegati. Tutti questi accessori citati avranno pompe di circolazione per acqua/aria. Quindi, dovremmo accenderle regolarmente per consentire la circolazione programmata. Altrettanto importante è la temperatura dell’acqua. In ogni caso, non può essere sotto i 0 gradi. La stufa elettrica diventa molto utile qui poiché ha il termostato. Con lo scaldabagno elettrico, possiamo impostare la temperatura minima dell’acqua a 5 o 10 gradi e inizierà il processo di riscaldamento quando la temperatura dell’acqua avrà raggiunto la soglia. Se possedete il riscaldatore a legna che è collegato attraverso i tubi, è necessario scollegare il riscaldatore o meglio ancora, installare la pompa di circolazione dell’acqua poiché anche l’acqua deve passare attraverso il riscaldatore. Sembra facile vero? Ma farlo manualmente significa stare sempre a casa, una vera scocciatura. È qui che entrano in gioco tecnologie intelligenti e moderne come i dispositivi abilitati WIFI.

Utilizzo di software aggiuntivi WIFI per abilitare il programma della circolazione dell’acqua

È richiesta la connessione WIFI, ma oggigiorno la maggior parte di noi ce l’ha dappertutto. I software aggiuntivi WIFI permetteranno di connettere e controllare le pompe di circolazione menzionate da remoto tramite l’APP o di controllarle con la voce. Uno dei maggiori vantaggi con questi dispositivi abilitati WIFI è la disponibilità a preparare il programma per la circolazione dell’acqua. Siamo in grado di eseguire la circolazione 10 o 15 minuti all’ora ogni giorno 24/7 senza nemmeno dovercelo ricordare. La durata della circolazione programmata può essere ridotta o aumentata a seconda della temperatura esterna, ma questo dovrete testarlo voi stessi. Una cosa da ricordare è che la circolazione programmata deve essere annullata se l’acqua viene scaricata dalla vasca. In caso contrario, si verificheranno danni alle pompe dell’acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *